Tra tutte le campagne di marketing utilizzate dai marchi per attirare l’attenzione sui loro orologi, uno dei più interessanti è venuto l’anno scorso, dato che TAG Heuer ha permesso ai propri fan di votare su quale modello di Autavia sarebbe tornato in vita. Questa è stata la “Coppa Autavia” del TAG, una competizione tra sedici riferimenti Autavia vintage, con circa 55.000 voti di fan, e alla fine ha deciso che il vincitore fosse il modello 2446 di riferimento, a volte noto come “Rindt”.

TAG_Heuer_Autavia_vintage_1000-replica-Tag-Heuer-orologi
L’orologio originale, un pezzo del 1966 notoriamente indossato dal campione di Formula 1 Jochen Rindt, si distingue dai precedenti modelli Autavia per il suo utilizzo di indici metallici applicati, lancette dritte in acciaio e quadretti bianchi più piccoli. Tuttavia, quell’orologio (nella foto sopra) conserva molte caratteristiche dei primi modelli della serie, incluso l’uso del movimento del cronografo Valjoux 72 a carica manuale, una cassa d’acciaio a lungo trascinato e i tanto amati loghi vintage Heuer e Autavia. La moderna riedizione del pezzo lavora così per incanalare molti degli elementi più significativi dell’orologio degli anni ’60, facendo alcuni aggiustamenti chiave per fornirgli una distinta modernità.

TAG-Heuer-Autavia-2017-pair_1000-replica-Tag-Heuer-orologi
La riedizione contemporanea, l’Autavia Heuer-02 (Ref. CBE2110.BA0687), presenta una cassa in acciaio da 42 mm con pulsanti rotondi standard e una lunetta girevole bidirezionale in alluminio, 12 ore. All’interno di un quadrante bianco esterno è presente il quadrante nero dell’orologio, che qui ospita indici in acciaio applicati con finti accenti di patina, tre contatori bianchi “azzurrati” in stile – un contatore cronografico da 30 minuti alle 3, secondi in esecuzione alle 6 in punto e il cronografo a 12 ore alle 9 – oltre a un piccolo indicatore di data verso la parte inferiore del quadrante. Ci sono anche loghi Heuer e Autavia in stile vintage verso la posizione delle 12, e un piccolo “Heuer 02” sul registro in basso.

TAG_Heuer_Autavia_buckle_1000-replica-Tag-Heuer-orologi
All’interno dell’orologio, e con le mani in acciaio finto-patinate, è il calibro automatico per il quale l’orologio prende il nome: il calibro Heuer 02. Questo movimento, visibile attraverso un fondello in zaffiro (sotto), regge una straordinaria potenza di 75 ore riserva e presenta un rotore scheletrato nero per caricare il pezzo. Questo orologio è il primo ad utilizzare il movimento interno Heuer 02, che dovrebbe diventare il movimento del cronografo primario del marchio nei prossimi anni.

TAG_Heuer_Autavia_back_1000-replica-Tag-Heuer-orologi
Dall’annata alle edizioni moderne di questo segnatempo, la linea di sangue scorre chiara attraverso una serie di dettagli. Nello stile generale dell’orologio – dalla forma della cassa e dalla scelta dei pulsanti e della corona, ai tre registri bianchi sul quadrante nero – l’orologio moderno rende un chiaro omaggio ai componenti essenziali che differenziano una Heuer Autavia degli anni ’60 da un modello successivo nella serie. Eppure nei dettagli più fini, come il materiale luminescente applicato sul bordo degli indici e dei quadranti, le semplici lancette delle ore e dei minuti con una lancetta del cronografo bianca e, naturalmente, il logo in stile vintage, anche il pezzo contemporaneo fa un grande sforzo canalizzare gli appassionati di riedizione specifici del marchio votato.

TAG_Heuer_Autavia_dialCU_1000-replica-Tag-Heuer-orologi
Tuttavia, per i molti elementi di omaggio, ci sono anche molte differenze tra il vintage e il pezzo moderno. Più chiaramente, il nuovo case è notevolmente più spesso per accogliere il nuovo movimento automatico rispetto al vintage a carica manuale, pur essendo più ampio di diametro, a 42 mm anziché lo storico 39 mm. In questa nota, le anse dell’orologio moderno sembrano anche più spesse e tagliate più squadrate, rispetto alle lunghe e sottili anse del modello vintage, che scorrevano nel bracciale con un’angolazione più acuta. Altri cambiamenti moderni includono la lunetta più ampia, più popolare negli orologi sportivi di oggi, e l’aggiunta di una finestra con datario a ore 6 e un movimento visibile attraverso un fondello di zaffiro. Come previsto per qualsiasi pezzo di riedizione moderno, la finitura è molto più raffinata e, a causa della differenza nel movimento moderno, i quadranti sono stati riorganizzati in alcuni punti.

TAG_Heuer_Autavia_soldier_1000-replica-Tag-Heuer-orologi
Come ha affermato Jean-Claude Biver, attuale CEO di TAG Heuer, il marchio non ha intenzione di creare una replica completa di qualsiasi orologio passato della sua storia, quindi lavora per creare orologi moderni basati sulle tradizioni del marchio, ma ognuno con la propria personalità distinta. Questa riedizione di Autavia ricade in questo ethos, con molte somiglianze tra esso e il suo predecessore degli anni ’60, ma con abbastanza differenze moderne probabilmente non sarà mai confuso con il modello vintage che lo ha ispirato.

Fino ad ora, replica Tag Heuer orologi ha reso una parte essenziale della sua strategia aziendale continuare a produrre pezzi di ispirazione vintage (visti attraverso le recenti riedizioni di Carrera, Monza e Monaco), e questa nuova Autavia non fa eccezione. Quindi, per chiunque possa essere deluso da questa riedizione più recente, potrebbe essere solo una questione di tempo prima di vedere il prossimo sforzo vintage TAG Heuer – forse la prossima volta deciso in una futura “Carrera Cup”.

Per il nostro ultimo articolo della serie “Vintage Eye” in cui confrontiamo il moderno Jughans Meister Pilot con il suo predecessore storico, clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *